Autoritratto del pittore C. Adolfo Schlatter (1903) - Particolare

Diario

05/09/2014

La mia passeggiata segreta sulle colline di Firenze, tra ville e castelli

 

Il percorso è adatto a tutti e si trova sulla collina di Vincigliata, sulle orme degli antichi scalpellini. Può essere più o meno lungo, dalla giornata intera, includendo varie tappe (compreso il pranzo), ad un paio di ore, a seconda della vostra scelta.

La partenza  (ovviamente  dal B&B) :

 per evitare la prima parte, che sarebbe in città, per circa 15min, si può prendere  l’autobus, che va a Fiesole, il n°7, salendo alla fermata n° 7, in via Alessandro Volta (vedi mappa), per scendere alla fermata n° 19, sulla strada principale per  Fiesole.

 

 

Punto uno: raggiungere Maiano

percorrendo alcuni metri in discesa, verso Fi. si arriva ad una  grande curva a gomito, da cui alla vostra sinistra parte Via B. da Maiano (Mantellini ?).

La si percorre per un km, circa, fino  ad un  crocevia, qui, ci si può fermare, alla meravigliosa Fattoria di Maiano http://fattoriadimaiano.com/ per   comprare un panino o a mangiare.

La fattoria fa parte delle proprietà della Villa di Maiano, dei Principi Corsini e discendenti.

Entrando allo spaccio della fattoria, (dove la domenica si fanno magnifiche grigliate) chiedete il permesso di percorrere la proprietà, (occorre un piccolo biglietto)  attraverso il sentiero che porta al lago 'incantato' delle Colonne, dove tanti personaggi illustri, sono stati ospitati, tra '700 e '800. Questo diversivo allungherà di 40/60 min.  la passeggiata, ma vale assolutamente la pena.

- Punto due: da Maiano a Vincigliata (attraverso la via degli scalpellini).

 Dall'incrocio menzionato, proseguite, a sinistra,verso le Cave di Maiano, (esse fornivano la pietra serena, per la costruzione di tutte le opere di Firenze, già dal 1400 ) che  hanno reso famosa la zona e la via che univa Maiano a Serttignano, cioé: la via degli scalpellini).

Dopo aver superato la chiesetta, prendete il primo sentiero sulla destra, che scende in basso,attraversando un bosco, verso la valletta.

Seguendo questo sentiero, fino alla fine, senza prendere deviazioni (per circa un altro km), si arriva, nuovamente, su una strada asfaltata: Via di Vincigliata.

-Punto tre: dal Castello di Vincigliata a Settignano

Percorrendo la strada asfaltata, verso il basso, si arriva, dopo alcuni tornanti, alla famosa Villa: i Tatti, http://itatti.harvard.edu/  acquistata dallo studioso Barnard Berenson, ai primi del '900 e poi lasciata alla Arvard university, di cui oggi è rinomata sede, dove  è visitabile su appuntamento, uno splendido giardino all'italiana, ma ci potrete arrivare anche dopo, continuando a seguire il mio percorso, sulla strada del ritorno.

Proseguendo invece  verso l'alto, per alcune centinaia di metri,  si raggiunge il Castello di Vincigliata.

Su via di Vincigliata, il paesaggio cambia completamente, ci si trova in un bosco di cipressi ad alto fusto, molto caratteristici.

Prima di arrivare al castello, sulla vostra destra (appena si incontra il suo muro perimetrale), da una  curva a gomito, parte una stradina di campagna (nuovamente, la via degli scalpellini) seguendo la quale, attraverserete una magnifica campagna di ulivi, con case coloniche e vista mozzafiato su Firenze ed il Castello (foto copertina), porta fino alla vetta della collina, detta Colle Vento.

Coloniche di Colle Vento.

Da lì,  subito dopo la seconda colonica, si prende il sentiero scosceso di sassi, che dirama a sinistra, verso il basso, tramite il quale, si arriva a Settignano.

 Se siete stanchi, dalla piazza di Settignano, potete prendere l'autobus n 10, che vi riporta in città, altrimenti potete continuare la mia passeggiata, nuovamente su  strada asfaltata, in direzione Corbignano e Ponte a Mensola.

-Punto quattro: da Settignano a Ponte a mensola (Il ritorno)

Finito dunque il sentiero sassoso, vi trovate ad un incrocio, prendete la strada asfaltata che va verso la vostra destra (via del Fossataccio)e che passando davanti alla Chiesetta del Vanella, va giù, per una strettissima stradina in discesa ed oltrepassa il borgo di Corbignano. Raggiungerete così, passando sotto una corona di rami di alberi, Ponte a Mensola,  ( prima però, incontrerete di nuovo, via di Vincigliata, che, in caso, vi porta in pochi minuti, a Villa  ai Tatti).

La mia  passeggiata è finita, dovete quindi, riprenderete l'autobus n° 10, per il centro o fino allo stop n 14 Stadio, per arrivare al B&B, oppure  continuate a camminare, fino a dentro la città.

Buona passeggiata.. 

dimenticavo a Settignano c'è da visitare Villa Gamberaia, bellissimo giardino all'italiana.

 

camera carlo adolfo
Un'ampia camera con soppalco,
con 4 posti letto

camera emma
Una camera dai tocchi femminili con accesso privato al giardino

camera giardinire
Una camera intima dagli arredi ricercati